Emmegi

La nostra società fornisce asseverazioni di piani economici in Project Financing in tutta Italia ed è iscritta
nell’elenco delle società di revisione ai sensi dell’art 1 legge 1966/1939. Nata inizialmente come società di revisione
e di consulenza aziendale, nel corso degli anni la società ha ampliato  progressivamente la gamma e la qualità dei servizi offerti in considerazione della crescente complessità del mercato nel quale i soggetti economici si trovano ad
operare.

CONTATTI:

+39 335 6454677

MAIL:

info@asseverazionitalia.it

Indirizzo: MILANO
Via Leone XIII, 14
Orario: 09:00 - 18:00
Sabato e Domenica - CHIUSO
Contatti: +39 02 82398338
info@asseverazionitalia.it
Top

Chi può asseverare un piano economico finanziario?

Asseverazioni Italia / news  / Chi può asseverare un piano economico finanziario?

Chi può asseverare un piano economico finanziario?

Chi sono i soggetti che possono asseverare un piano economico finanziario

In base al decreto legislativo 50/2016, articolo 183, comma 9 viene previsto che per partecipare a un appalto le offerte devono essere corredate da un piano economico finanziario asseverato. I soggetti che sono preposti a questo compito sono gli istituti di credito, le società di servizi costituite dalle stesse banche e le società di revisione che fanno riferimento all’articolo 1 della legge 1966/1939. Di conseguenza possono asseverare un piano economico finanziario soltanto le banche e le poche società di revisione iscritte presso il registro del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef). Sapere quali sono i soggetti abilitati al rilascio dell’asseverazione risulta essere un elemento fondamentale per assicurare il buon esito delle procedure di gara e svolgere questa fase a norma di legge. Infatti sono sempre più numerosi le organizzazioni, come società finanziarie e altre compagnie, che non hanno i titoli per svolgere questo compito ma che si propongono come figure abilitate. Un aspetto che bisogna tenere in dovuta considerazione è il fatto che se ci si rivolge a un soggetto non abilitato le asseverare il piano economico finanziario è come se il documento non fosse stato presentato in fase di gara, con tutte le conseguenze del caso. Infatti questo comportamento comporta sempre più spesso contestazioni e ricorsi in sede di gara che portano a sospensioni dell’appalto stesso.

Cosa tenere a mente

Per garantire il buon esito delle procedure è fondamentale fare riferimento esclusivamente a operatori di mercato certificati. In questo modo è possibile per l’impresa ottenere al tempo stesso un servizio di assistenza e supporto in tutte le fasi dell’iter per presentare la proposta all’amministrazione pubblica. Se si fa affidamento a un istituto di credito, non sorgono in genere disguidi sull’efettivo possesso dell’abilitazione. Per quanto riguarda le società di revisione è necessario rivolgersi esclusivamente agli operatori che sono iscritti all’elenco tenuto presso il Mef. Per garantire una maggiore sicurezza nei confronti delle imprese il Ministero dello Sviluppo Economico effettua periodicamente una verifica per accertarsi del possesso dei requisiti richiesti da parte delle società di revisione iscritte e, di conseguenza, dell’abilitazione.

L’importanza dell’asseverazione e dei soggetti certificati

La necessità di affidare l’asseverazione dei piano economico finanziario a soggetti certificati e abilitati si spiega con l’importanza che riveste questo documento. Infatti l’asseverazione del PEF è il presupposto per esaminare il progetto e quindi un requisito essenziale per la sua corretta valutazione. La decisione di affidare l’asseverazione dei piani economici finanziari esclusivamente agli istituti di credito e alle società di revisione iscritte al registro del Mef (eventualmente anche fiduciarie) è legata alla necessità di assicurare l’indipendenza e l’imparzialità nell’esercizio degli incarichi di revisione del PEF. In questo modo si vuole garantire lo svolgimento a norma di legge e senza pressioni esterne delle procedure per l’esame del piano economico finanziario da certificare. Tuttavia alcuni esperti hanno sottolineato il fatto che possa verificarsi un rischio di autoriesame nello svolgimento di questa attività se la società deve certificare sia i conti che il PEF di un’azienda.